La preghiera deve essere fatta con tutto il cuore


Quando dunque, fratelli carissimi, ci mettiamo a pregare, dobbiamo essere vigilanti e completamente intenti alle preghiere con tutto il cuore. Sia lontano da noi ogni pensiero carnale e mondano, affinché appunto l’anima non si concentri che sulla preghiera.
Ecco perché il vescovo, con un prefazio prima della preghiera (eucaristica), prepara lo spirito dei fedeli dicendo: “In alto i cuori”, cui il popolo risponde: “Li abbiamo rivolti al Signore”. Si è esortati così a non pensare ad altro che al Signore.
Si chiuda il cuore all’avversario e lo si apra solo a Dio; non si permetta affatto che il nemico penetri in noi durante il tempo della preghiera.
Egli infatti usa strisciare e insinuarsi sottilmente per deviare le nostre preghiere da Dio: cosicché una cosa abbiamo nel cuore e un’altra sulle labbra; mentre si deve pregare il Signore con la sincera applicazione non del suono della voce ma dell’anima e del pensiero.
Quale indolenza non è quella per cui ci si fa portar via e si diventa preda di pensieri frivoli e profani, proprio mentre tu preghi il Signore, – come se potessi avere di meglio da pensare rispetto a quello di cui parli con Dio!
Come pretendi d’essere ascoltato da Dio, quando tu non ascolti neppure te stesso?
E come vuoi che il Signore si ricordi di ciò che domandi nella preghiera, se non te ne ricordi tu stesso?
Questo significa non guardarsi affatto dal nemico; questo significa, dacché preghi Dio, offendere la sua maestà con la negligenza della tua preghiera questo non è altro che vegliare con gli occhi e dormire col cuore, mentre al contrario il cristiano anche quando con gli occhi dorme dovrebbe vegliare col cuore, così come, nel Cantico dei Cantici, sta scritto di colei che parla quale figura della Chiesa: “Io dormo, ma il mio cuore veglia” (Ct 5,2).
E perciò l’Apostolo è sollecito e saggio ad avvertirci: “Siate assidui nella preghiera e vegliate” (Col 4,2): ci insegna così e ci mostra che possono ottenere da Dio quel che gli chiedono, so-lo coloro che Dio vede vigilanti nella preghiera.
(Cipriano di Cartagine, De orat. dom. 31)

Hits: 0

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com